Diario: 13 marzo – 20 marzo


La sera del 9 marzo, il governo italiano dichiara l’inizio di una quarantena nazionale che limita gli spostamenti su tutto il territorio. Ci si potrà muovere da casa solo per motivi lavorativi e situazioni di emergenza, e solo muniti di un’autocertificazione che motivi le ragioni dello spostamento. Locali e negozi vengono chiusi; molti uffici e luoghi di lavoro si attrezzando per attivare modalità di smart working. Nel giro di pochi giorni, le città si svuotano.

Ai primi giorni di spaesamento segue un fenomeno inaspettato: dal 13 marzo, accogliendo inviti che rimbalzano sui social e sulle chat private, le persone chiuse in casa iniziano ad uscire sui balconi, e a cantare tutte insieme.

La didattica a distanza ha iniziato a diffondersi in tutte le scuole, insieme al sospetto che la chiusura sarà più lunga di quella immaginata: gli studenti della scuola secondaria si trovano con i professori in classi virtuali, quelli della scuola primaria vengono sollecitati dagli insegnanti tramite esercizi e piccoli compiti.

#ispeakcontemporary #ispeakcontemporaryacasa #diariodellaquarantena #diario #artecontemporanea #progettodiderot #ispeakcontemporary #scuola